EASY MENFI

TIVITTI
LA BAMBINA
LUCORI
NOTRIX
RIVEDIBILE

TERROIR

Dietro le Case
Coste al Vento
Arèmi
FuoriZona
Microcosmo

FATTI A MANO

AMMANO
CIATU
ALBAMARINA
NINARE

TRADIZIONE

ALTRIMENTI
CODA DELLA FOCE
AZIMUT
LA VOTA
00segnaposto
Aratura dei campi
Pin It

La lingua siciliana ha una straordinaria ricchezza lessicale perché si è arricchita dei vocaboli e delle strutture grammaticali derivanti dalle lingue parlate dai diversi popoli che qui hanno abitato nei secoli.

Oggi riflettevo sul fatto che in siciliano esistono tre diverse parole per definire il “lavoro”. Sono tre forme lessicali che indicano in maniera molto precisa tre differenti tipologie di lavoro, ma anche tre differenti concezioni del lavoro stesso.

La prima parola è sirvìzzu, che si pronuncia con la zeta dolce.
Deriva, come evidente, dal latino servus, che significa servo, schiavo, e indica in modo generico la condizione servile di chiunque non sia indipendente né nelle proprie decisioni, e nemmeno nella propria vita.
In siciliano, sirvìzzu – che può essere tradotto in italiano con la parola “servizio” – è il lavoro che viene svolto per conto di altri, e di solito indica un compito assegnato senza che chi lo svolge abbia autonomia decisionale. Viene normalmente utilizzato per indicare il lavoro nel settore terziario: chi lavora in banca, chi ha uno studio professionale, chi si occupa di intermediazione o chi ha trovato un “posto” (di solito un incarico pubblico o un’attività legata all’amministrazione, alla burocrazia) fa un sirvìzzu, o meglio havi un sirvìzzu.

La seconda parola è travàgghiu.
Chiara qui l’origine francese – travail – che può tradursi in italiano con la parola “travaglio”, ma che in siciliano non ha la connotazione negativa che può percepirsi invece nella traduzione italiana, dove questo termine evoca comunque una condizione penosa, difficile, molto faticosa.
Travàgghiu in siciliano indica solitamente un lavoro manuale, molto spesso di tipo artigianale. Fanno un travàgghiu il falegname, l’idraulico, il contadino. Di una persona che si impegna molto ed ha successo nel proprio lavoro si dice che è travagghiatùra, che è uno dei migliori complimenti che possano farti quando ti riconoscono dei meriti di serietà, onestà, precisione.

Infine, l’ultima parola è lavùru –  dal latino labor, in italiano “lavoro” –  che in siciliano si usa quasi eslusivamente all'infinito: lavuràri, che è sinonimo di arare.
Mi sono spesso chiesta perché questa parola, che nelle diverse declinazioni delle lingue neolatine ha mille sfumature e mille significati, in siciliano ne abbia solo uno, e pure così preciso.
Mi sono venuti in aiuto i classici, che utilizzano labor per definire sì la fatica fisica, ma anche la tensione verso il compimento di qualcosa, verso la trasformazione e il cambiamento. In questo senso, labor indica l’impresa, l’opera e, più che solo lo sforzo in sé, il suo risultato (se vuoi approfondire, c’è di che riflettere a questo link).

E dunque ora capisco perché lavuràri indichi solo l'aratura, dunque il lavoro dei campi: perché solo in questa attività si realizza compiutamente la vocazione dell’agricoltore, si sottolinea la sua dignità e si apprezza la sua straordinaria funzione: quella di trasformare la terra da elemento sterile, duro e inerte a fonte inestinguibile di cibo e di vita. Solo nella stretta relazione con la terra il contadino siciliano assume su di sé un orizzonte più vasto, che trascende la fatica del quotidiano e intravede, già ancor prima di piantare, di potare, di ammasare o di spollonare, la soddisfazione del raccolto.

 

aratura a belicello 

Tags: agricoltura, lingua siciliana, lavoro

ALBAMARINA IN BREVE

ALBAMARINA IN BREVE

Vitigno: Grillo, Vigne del Pozzo
Suolo: argilloso, fertile e profondo, ricco di minerali, quasi totale assenza di scheletro
Vigneto: impianto 2017, allevamento a controspalliera, Guyot
Vinificazione: macerazione sulle bucce per 4 giorni, imbottigliamento manuale in corso di fermentazione
Fermentazione alcolica: spontanea, con lieviti selvaggi; inizia in acciaio e si completa in bottiglia con la produzione naturale di anidride carbonica
Fermentazione malolattica: spontanea, completamente svolta
Affinamento: in bottiglia sui sedimenti fino al momento della stappatura
Produzione media: circa 2.000 bottiglie/anno

Scarica la scheda tecnica

VINIFICAZIONE

Alba marina è un vino frizzante ottenuto secondo il metodo ancestrale.
Le uve sono coltivate in Tenuta Belicello secondo i principi dell'agricoltura biodinamica.

Il Grillo viene raccolto alla fine di Agosto, in anticipo rispetto alla piena maturazione, per preservare la sua naturale acidità e gli aromi più freschi ed intensi tipici del vitigno.
Dopo la vendemmia le uve sono portate in cantina, immediatamente diraspate ed avviate alla fermentazione spontanea in anfora. Le bucce rimangono a contatto con il mosto per circa 4 giorni. Dopo la pressatura soffice, il mosto continua a fermentare in acciaio ad una temperatura di circa 20-22 °C per un'altra settimana. 
Non appena raggiunti 9-12 grammi di zuccheri residui, il vino viene imbottigliato in coda di fermentazione, che termina in bottiglia con la produzione naturale di anidride carbonica.

Per consentire lo svolgimento completo della fermentazione in bottiglia non vengono aggiunti solfiti né alcun altro additivo enologico.
Nessun controllo è ovviamente possibile dopo l'imbottigliamento: ogni bottiglia potrebbe essere diversa dalle altre, poiché ciascuna fermentazione termina per conto suo, e ciascuna bottiglia è, potenzialmente, una sorpresa :) 

ABBINAMENTI

Alba marina non è sboccato, quindi tutto il sedimento è presente in bottiglia.

Grazie alla fermentazione spontanea e all’affinamento sui lieviti, rivela un corredo aromatico intenso e molto particolare: ha un colore giallo dorato intenso, molto velato perché ancora sui suoi lieviti. La spuma è lieve, caratterizzata da bollicine molto piccole ma persistenti, dovute alla fermentazione avvenuta con metodo ancestrale. Il naso è fragrante, di frutta gialla ed erbe mediterranee, con un intenso finale di crosta di pane. La bocca è snella, morbida e sapida.

Si abbina con aperitivi e antipasti di pesce, crostacei e conchiglie crude, affettati e affumicati di mare.


TEMPERATURA DI SERVIZIO: 8 - 10 °C
Lo si può bere "cloudy", ossia con i suoi lieviti, facendo attenzione a non agitare troppo la bottiglia e a lasciare sul fondo i residui più spessi, oppure si può procedere alla sboccatura se si preferisce un sapore più pulito e diretto. Per facilitare la sboccatura, la bottiglia va tenuta un paio di giorni in frigo, in posizione capovolta, per consentire ai sedimenti di raccogliersi nel collo della bottiglia.

 

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile in base alle tue preferenze.
Nell’informativa estesa puoi prendere visione della nostra privacy policy e conoscere come disabilitare l’uso dei cookies; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.