AMMÀNO

  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO
  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • VINO BIANCO

    A mano, per recuperare il valore del lavoro manuale, la cura e la gioia nel farlo.

    A mano, per sottolineare l'assoluta artigianalità della produzione di un vino fatto senza ausilio di macchinari, senza additivi o prodotti enologici di sintesi, in cui la componente umana è importante almeno quanto quella naturale.

    Solo uva e mani: in un mondo in cui le macchine e l'omologazione sostituiscono sempre più l'uomo e la sua creatività, le mani sono, forse, la cosa alla quale dobbiamo ritornare.

  • La prima volta che ho pensato di fare Ammàno mi sono detta: anche se poi lo butto va bene lo stesso, tanto è una prova. Una prova di testardaggine e di incoscienza, la prova di cui avevo bisogno per dimostrare a me stessa che ero capace a fare un vino così, anche se non ci credeva nessuno.
    Quando ho detto a mia madre che avrei fatto un vino così si è messa a ridere. Poi, appena ho iniziato a vinificarlo, si è preoccupata.

    Ho preso gli strumenti che mi ha lasciato mio padre: la vaschetta dove ha fermentato i suoi primi vini, che avrebbe anche un coperchio da sempre pieno che ormai non funziona più perché la gomma si è bucata e non esistono ricambi, quindi niente coperchio; il follatore di acciaio, che mi ci ha fatto i buchi perché sennò era troppo pesante e non riuscivo a rompere la vinaccia del cappello; il bastone con le catene per smuovere le fecce fini e un torchio-giocattolo che pigia 20 chili di uva alla volta.
    Ho rubato alla cucina lo scolapasta arancione, e alla lavanderia le bagnère per fare i travasi.

    E così è nato un vino interamente artigianale, in cui non si usano macchinari ma solo semplici strumenti. Per il resto bastano le mani, che sono lo strumento più perfetto, flessibile, adattabile che esista in natura.

    Il risultato è un vino che alla fine si fa quasi da solo, e continua a farsi in bottiglia giorno dopo giorno: un vino vivo, che cambia di continuo proprio perché vive, e non lo puoi fermare, non lo puoi controllare. E proprio in questo sta la sua bellezza: che ti può piacere oppure no, ma è lui che ti guida e ti dice dove vuole andare. Tu puoi solo cercare di capirlo.
  • Ammàno è un vino di mare e proprio grazie alla sua lavorazione arcaica, essenziale, conserva netta nel bicchiere quella vena salina tipica delle uve aromatiche coltivate nelle isole del Mediterraneo.
    E' un vino da attendere, senza fretta. Bisogna aspettare che il liquido dorato sosti per un poco nel bicchiere, che riprenda contatto con l'ossigeno dopo essere stato, in bottiglia, a contatto con il suo sedimento che lo mantiene in una condizione di naturale riduzione, proteggendolo così dall'ossidazione.

    Nel suo bouquet ci sono la ginestra e la zagara d'arancio, l'uvetta sultanina e le note balsamiche della macchia mediterranea che si amplificano man mano che il vino si distende nel calice.
    In bocca è secco e croccante, vibrante e diretto, quasi salmastro nel finale.

    Con cosa si abbina un vino così? Con tutto.
    Si abbina con le serate romantiche, con i pomeriggi primaverili, con i compleanni e gli anniversari e con tutti i momenti di gioia. Si abbina con la bottarga di tonno, le conchiglie di mare, i formaggi cremosi. Con le alici, le marinature e le colature, con i ricci di mare leccati dai gusci e con tutto il pesce che sa di pesce, magari crudo.

    TEMPERATURA DI SERVIZIO: 12 - 14 °C
    Ammàno va servito in ampi calici da vino bianco, a temperatura fresca ma non fredda.
    Freezer ed abbattitori vanno assolutamente evitati, così come una sosta troppo prolungata in frigorifero: il vino non è filtrato né chiarificato e una temperatura inferiore ai 5 gradi, oltre a mortificare il suo complesso corredo aromatico, causerebbe delle evidenti precipitazioni tartariche.
  • La vendemmia di Ammàno si svolge alla metà di Settembre, quando le uve hanno sviluppato la propria straordinaria aromaticità, pur mantenendo una acidità importante.
    I grappoli vengono raccolti a mano, in piccole cassette forate, per evitarne lo schiacciamento. Poi vengono portati in cantina, dove rimangono in cassetta per qualche giorno, in maniera da favorire una prima macerazione intracellulare che contribuisce a concentrare nel mosto un intenso e prezioso corredo aromatico.

    In vinificazione si esclude l'utilizzo di qualsiasi macchinario. Dopo essere state sgrappolate, le uve fermentano spontaneamente con le bucce per circa 7 giorni in una piccola vasca di acciaio, senza controllo di temperatura, con follature effettuate più volte durante il giorno.
    La pigiatura avviene con l’ausilio di un piccolo torchio in legno da 20 chili. Al termine della fermentazione, Ammàno svolge la malolattica in tonneaux di rovere senza aggiunta di additivi, e viene imbottigliato senza chiarifica né filtrazione, direttamente per caduta dalla vasca di decantazione.

    Anche le etichette sono scritte a mano, una per una.
    E' solo un piccolo omaggio a chi, prima di me, ha compreso quanto straordinario fosse lo Zibibbo, e quanto meraviglioso il vino che ci regala. Vignaioli che, per 20 secoli, hanno fatto il lavoro senza pompe, senza filtri, senza elettricità. A loro la mia gratitudine per avermi mostrato la strada.
  • Vendemmia 2017: Wine Enthusiast 88/100
    Vendemmia 2016: FIS-Bibenda 5 Grappoli
    Vendemmia 2014: L'Espresso 17/20
    Vendemmia 2013: Cucchiaio d'Argento 7.9/10

    IL COMMENTO DI...
    Stefano Caffarri: Ammàno Vino bianco #1
    Vino arcano, che racconta di tocchi mentolati, pensa un po’: e di macchia. Delicatamente, senza fretta, attendere il sorso, che invece è una colata di sole liquido. Dei 12 gradi resta solo l’idea di un bicchiere che si svuota più rapidamente di quanto impieghi e riempirlo: che aggrappa l’attacco ad una buccia di limone, il mezzo ad una mandorla, il finale ad una caramella piperita.
    Dovessi dirne con un’analogia: spumante, ma senza bolle.

    • vitigno: zibibbo
    • terreno: argilloso
    • età del vigneto: 6 anni
    • tecnica di vinificazione: macerazione sulle bucce
    • fermentazione: lieviti selvaggi
    • affinamento: in acciaio e tonneaux di rovere francese
    • produzione media: fra 500 e 900 bottiglie/anno


    VISUALIZZA O SCARICA LA SCHEDA TECNICA, LA FOTO DELLA BOTTIGLIA E L'ETICHETTA


Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile in base alle tue preferenze.
Nell’informativa estesa puoi prendere visione della nostra privacy policy e conoscere come disabilitare l’uso dei cookies; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.