ecommerce cover

Il vino Nero d'Avola su Instagram

Da #instagram al #mercato

Pin It

Usare i social networks per vendere il vino non è difficile e funziona: ma la cosa più importante è una comunicazione coerente e sincera

Antefatto: ieri un mio amico di Twitter ha postato una foto del Nero d’Avola su Instagram, e ne ha detto bene. Una sua amica che ha una pasticceria l’ha vista e mi ha mandato una mail. Oggi sono partite le prime bottiglie.

Libera circolazione delle idee, amicizie virtuali più vere di quelle reali, degustazioni in diretta in differenti città, fotografie scambiate e commentate su instagram che diventano segnalazioni e che si trasformano in rapporti commerciali, o in eventi culturali.

Credo non ci siano limiti alle potenzialità della rete, e siamo solo all’inizio.

“Mi dicono, perché non frequento”. Per chi un po’ sta seguendo la querelle Nossiter / Intravino / Gastronauta / blogs di tutta Italia in onda in questi giorni, mai come adesso la rete è palpabile, tangibile. Mai come adesso “i dinosauri della comunicazione” hanno le ore contate, con le loro copertine patinate e tutto il resto.

Mi sento in una fucina straordinaria, come dovevano sentirsi i cittadini di Parigi prima della Rivoluzione, generata dall’invenzione dei caratteri di stampa e non dalle oscure politiche dei Gabinetti e delle Segreterie.

Vivere, per lavoro e per scelta, ai margini geografici del mondo non è più così impossibile.

 

Tags: marketing del vino, social networks, instagram

questa è la cassa.

ecco com'è composta

ecco come puoi comprare


Scrivi qui i tuoi messaggi e indica le tue esigenze speciali: ad esempio, giorni ed orari preferiti per la consegna.  

  Refresh Captcha  
  

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile in base alle tue preferenze.
Nell’informativa estesa puoi prendere visione della nostra privacy policy e conoscere come disabilitare l’uso dei cookies; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.