Il peso delle bottiglie

- Letto 2411 volte
Pin It

Dal punto di vista del marketing, la bottiglia e l’etichetta sono i materiali di confezionamento che maggiormente incidono sulla percezione del vino da parte del consumatore.

Come mostrano numerose ricerche scientifiche nel campo della neuroergonomia sensoriale, le persone attribuiscono un valore maggiore alle bottiglie più pesanti, credendo che contengano un liquido più pregiato (si veda il bel libro di Eleonora Buiatti, Forma Mentis). Di conseguenza, è molto frequente che le aziende vinicole utilizzino bottiglie molto “importanti” per i loro vini di punta, o per quelli destinati ad essere di traino per alcune linee di prodotto.

Tuttavia, questa pratica è difficilmente sostenibile: diversi studi dell’Università di Siena (citati qui da Donatella Cinelli Colombini e qui da Wine Surf) mostrano come la carbon footprint di una bottiglia sia praticamente pari al suo peso: ossia, ad ogni grammo di vetro prodotto si disperde nell’ambiente un peso quasi equivalente di CO₂.

Inoltre, maggiore è il peso della bottiglia, maggiore è il peso che dovrà essere trasportato per far arrivare quella bottiglia a destinazione, quindi ancora maggiori saranno le emissioni legate al trasporto.

La soluzione?
Dal mio punto di vista, il vetro è certamente il materiale migliore per conservare il vino: è inerte, ossia non interferisce con la composizione chimica né fisica del vino nemmeno nel lungo periodo, può essere facilmente sterilizzato, è riutilizzabile e riciclabile praticamente all’infinito. Ridurne però il peso, e di conseguenza le emissioni nell’ambiente, è un imperativo categorico.

Il nostro percorso verso la sostenibilità non solo della produzione, ma anche delle fasi successive – ossia della commercializzazione del prodotto – va proprio in questa direzione.
Nel 2012 abbiamo iniziato a ridurre il peso delle bottiglie della "Linea Classica” da 600 a 450 grammi e, quasi contemporaneamente, abbiamo iniziato ad imbottigliare anche i vini della "Linea Crus” in contenitori più leggeri, passando da una bordolese golia da 750 grammi ad una di 600.
Nel 2014 abbiamo sperimentato una borgognotta da 550 grammi per Ammàno e Ciàtu, alla quale sono passati anche altri vini della "Linea Crus” (il Grillo Coste al Vento e il Microcosmo che prima stavano nella bordolese, ad esempio) con un taglio alle emissioni del 27%.

 

Infografica viticoltura sostenibile

>>> Qui potete scaricare
l'infografica che riepiloga
le nostre principali scelte
di sostenibilità

 

In questo passaggio abbiamo dovuto affrontare molte resistenze, soprattutto da parte della ristorazione: le obiezioni che abbiamo riscontrato più di frequente riguardano proprio l’immagine del vino, che (a parere di molti) viene mortificata da una bottiglia leggera, più bassa del solito e dal vetro più sottile.

 

Personalmente credo che i benefici per la collettività siano talmente superiori al presunto “danno di immagine” che non mi sono proprio posta il problema di ritornare indietro sulle mie decisioni.
Credo anche che sia giunto il tempo per i produttori di lavorare ad una nuova “estetica del vino”, che ci permetta di comunicare serenamente ai nostri clienti che ciò che conta davvero sta dentro alla bottiglia, non fuori.

 

Tags: marketing del vino, sostenibilità, carbon footprint

Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile in base alle tue preferenze.
Nell’informativa estesa puoi prendere visione della nostra privacy policy e conoscere come disabilitare l’uso dei cookies; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.